uomo che medita, meditazioneMeditazioni

La meditazione

La meditazione è una pratica molto antica, praticata da migliaia di anni da tutte le culture, religioni e tradizioni mistiche. Essa è usata per scopi diversi: rilassare il corpo, calmare le emozioni, acquietare o zittire la mente, aprirsi ad altre dimensioni, accedere a una comprensione superiore di sé e dell'universo.

Secondo Osho: "quando non fai assolutamente nulla - di fisico, di mentale, o a qualsiasi altro livello - quando ogni attività sia arrestata e tu esisti semplicemente, sei e basta, quella è meditazione. Se anche per un solo istante non fai nulla, e ti trovi nel tuo centro, assolutamente rilassato, sei in meditazione".

Essenzialmente, la meditazione è concentrazione pura e perfetta su un unico punto: un oggetto, un simbolo, un’dea, una qualità, un colore, un suono, un pensiero,  ecc..

Esistono innumerevoli tecniche di meditazione che, se praticate con regolarità, comportano profondi e durevoli cambiamenti nell'essere umano.  
La meditazione quotidiana ci mantiene puliti, liberi da attaccamento e negatività, e ci permette di intonarci ad una più elevata frequenza al di là delle nostre credenze limitate. La meditazione ci consente di accedere alla nostra natura multidimensionale, di controllare e intonare i segnali che noi  emettiamo, e, di conseguenza, controllare le nostre esperienze di vita, creando la realtà così come noi la desideriamo.


La meditazione è essenziale per accedere alla saggezza suprema ed alla vera conoscenza che sono in ognuno di noi.
 
 
Non esistono delle regole fisse sulla meditazione. In senso lato possiamo dire che tramite la meditazione ci si possono prefiggere due obiettivi generali diversi: il primo è la realizzazione delle Sé, l'espansione della mente e dello spirito, che produce un senso di unione con l'universo e aumenta la consapevolezza e la comprensione. Il secondo è quello di ottenere degli effetti immediati, sul corpo sulla mente, sulla realtà.  
 
La meditazione può quindi essere suddivisa in: "passiva" e " attiva".


Lo scopo della meditazione passiva è quello di creare il vuoto mentale, una condizione in cui vengono spazzati via dalla mente tutti i pensieri per arrivare a sintonizzarsi con la Mente Cosmica e arrivare così al "samadhi", l'unione gioiosa con l'Infinito.


Nella meditazione "attiva" invece la mente si concentra su un unico obiettivo o viene riempita attivamente, normalmente tramite la visualizzazione, delle qualità e degli eventi specifici che si vogliono manifestare. Questo è il tipo di meditazione più praticato in occidente mentre la meditazione passiva lo è in oriente.  
 
donna in meditazioneUna meditazione per cominciare
 
Come già detto, esistono innumerevoli tecniche di meditazione. Per cominciare eseguite questa semplice ma efficace tecnica:

Concentrati sul tuo respiro. Respira naturalmente e con dolcezza, senza alcuno sforzo. Concentrati sull'onda del tuo respiro, sul tuo addome che si innalza e si abbassa dolcemente. Concentrati sull'aria che entra ed esce dalle tue narici, mentre attraversa le vie respiratorie e i polmoni. Pratica per 15 minuti al giorno.

Medita regolarmente ogni giorno, preferibilmente al mattino presto e sempre alla stessa ora. Non passare da una tecnica all'altra ma praticane una per un certo periodo di tempo fino a quando non vedrai dei risultati.