Com'è potuto succedere?

15.03.2014 16:28

dittatura

Com'è potuto succedere?

Com'è potuto succedere tutto questo? 


Com'è potuto succedere che la brama di pochi sia riuscita a manipolare e conquistare il mondo?

Com'è potuto succedere che per avidità di potere siamo stati venduti ai potenti del mondo?

Sento addosso tutta la tristezza e la depressione del mondo.

Sento addosso tutta l'impotenza e la rabbia del mondo. Tutto il sangue del mondo.

Una buia e pesante cappa di piombo aleggia su questa splendida Terra.

Com'è potuto succedere?

Com'è potuto succedere che stiamo permettendo a pochi di distruggere questo incantevole mondo?

Com'è potuto succedere in così breve tempo? 

Com'è potuto succedere che miliardi di esseri umani, vivi e intelligenti, non se ne rendano conto?

Il vittimismo del mondo!

Non credo che ci sia un disegno cosmico in tutto questo. C'è solo la follia degli uomini!

È successo. Sta succedendo.
È da qui che bisogna partire.

* * *

L'uomo addormentato (inconsapevole) di fronte alle brutture del mondo è portato a pensare che ci siano sempre dei cattivi che stanno perpetrando qualcosa di spiacevole e di brutto nei confronti dei tanti buoni.

 

L'uomo inconsapevole divide gli uomini in due grandi categorie: da un lato i buoni e gli onesti, dall'altro i cattivi e i criminali. Non si rende conto che se i cosiddetti cattivi possono permettersi di soggiogare e sfruttare i “buoni” è perché questi ultimi lo stanno permettendo. Forse questi “buoni” non sono poi così buoni come sembrano.

 

L'uomo inconsapevole è portato a credere che tutto quello che accade fuori di sé sia sempre colpa degli altri, mai di se stesso… È portato a non assumersi mai la responsabilità di quello che gli succede intorno. L'uomo addormentato, invece di guardarsi dentro, guarda fuori di sé e tutto quello che vede di brutto è sempre colpa degli altri. Questo incantesimo non gli lascia scampo, lo tiene eternamente prigioniero. Le conseguenze sono disastrose: o rimane preda della più profonda frustrazione e depressione o si ostina a ribellarsi con scarsi e dubbi risultati. La ribellione talvolta lo porta ad assumere il ruolo del carnefice. E così il sistema può perpetuarsi tranquillamente. In fondo il sistema cerca sempre chi fa il suo gioco. Vittima e carnefice fanno sempre il gioco del sistema. A volte può succedere che si scambiano di ruolo, ma restano pur sempre pedine del sistema.


L'unico modo per cambiare veramente le cose è di uscire dagli schemi, guardarsi dentro, rendersi conto del modo in cui si è complici del sistema e smettere di fare il suo gioco. Né buono... né cattivo. Né onesto... né criminale. Né vittima... né carnefice.


Ti guardi dentro e prendi consapevolezza di come stai contribuendo a creare quella realtà che critichi tanto. Non ne fai più motivo di rimpianto né di resa. È quello il punto di partenza della tua sfida: un nuovo sé per una nuova realtà!

Adesso.

 

Diario di un sonnambulo

Qualcosa che non va

06.03.2014 17:19
Una trasposizione poetica sullo stato di sonno in cui versa l'uomo ordinario dei nostri tempi.   Qualcosa che non...

Non voglio serrare il mio cuore

08.03.2014 19:20
Spesso le circostanze della vita ci portano a chiuderci in noi stessi e ad indurirci nel vano tentativo di proteggerci...

Macchina inconsapevole

09.03.2014 17:34
  L'inconsapevolezza degli altri può rappresentare una sfida molto dura, ma anche una preziosa occasione per...

Effetto specchio

13.03.2014 18:34
  Il mondo è lo specchio della tua consapevolezza. Il testo invita ad essere un osservatore distaccato di se...

Com'è potuto succedere?

15.03.2014 16:28
Com'è potuto succedere? Com'è potuto succedere tutto questo?  Com'è potuto succedere che la brama di pochi sia...